Notice: Undefined index: HTTP_ACCEPT_LANGUAGE in /var/www/vhosts/abbastanzamente.it/httpdocs/wp-content/plugins/newstatpress/newstatpress.php on line 1090
Retta Presenza Mentale Archivi - ABBASTANZAMENTE

Retta Presenza Mentale

EDINBURGH, SCOTLAND - MAY 11:  Paisley born Turner prize nominee, Anya Gallaccio, views her new installation Red on Green,  an installation of 10,000 red roses laid upon the gallery floor, at Jupiter Artland on May 11, 2012 in Edinburgh, Scotland The new work by the Paisley born artist, accompanied by Andy Goldsworthy installation the Coppice Room, opens the fourth season at Jupiter Artland. (Photo by Jeff J Mitchell/Getty Images) ORG XMIT: 144312883

22 Dic Addomesticare

La creazione di legami, che per la Volpe del Piccolo Principe di Saint-Exupéry passa attraverso la necessità di Addomesticare.

saint-exuperyIl malinconico aviatore Antoine de Saint-Exupéry scrive, durante il suo servizio come pilota di guerra, quello che è senza dubbio il suo libro più famoso: Il Piccolo Principe, una fiaba agrodolce ricca di riflessioni molto profonde, di poesia e di sentimento che ben presto incontra uno straordinario successo di critica e di pubblico; tradotto ad oggi in 253 tra lingue e dialetti, anche remotissimi, si avvicina nel momento in cui scriviamo ai 150 milioni di copie vendute nel mondo ed è da sempre, fin dalle elementari, uno dei testi di riferimento quando si parla di amore, amicizia e senso della vita. Il suo punto di vista originalissimo, quello di un bambino, riesce a superare le barriere della comprensione e gli schemi rigidi di molti adulti, che da sempre lo amano incondizionatamente.

Il capitolo certamente più conosciuto è quello in cui una Volpe chiede al Piccolo Principe di stabilire un legame con lei, perché ciascuno dei due smetta di essere straniero all'altro. Il metodo che propone per arrivare a questo è: essere addomesticata. Io, mi rendo conto, sono un po' fuori dal coro e questo capitolo, benché emozionante, mi ha sempre disturbato. Fin da quando ero piccolo.

Non posso sapere cosa intendesse davvero dire, nel profondo, Saint-Exupéry con questa metafora. Purtroppo, non molto tempo dopo un pilota tedesco da caccia lo ha abbattuto e ucciso col suo Messerschmitt BF109, in volo sul mare. Credo però che fosse una idea molto personale, generata dalla sua personale percezione della vita, con la quale non sono mai stato d'accordo.  A me, il rapporto che si crea tra la Volpe e il Piccolo Principe dà fastidio; m'inquieta profondamente, fin dalla primissima lettura, avvenuta in un mattino uggioso in classe, in quinta elementare. E vi dico perché. 

Read More
problema-dei-9-punti

19 Set Il problema dei 9 punti

Il problema dei 9 punti: un classico dei test sulla creatività, utilizzato anche nella valutazione del Quoziente di Intelligenza.

Il problema dei 9 punti è un grande classico dei test che mirano a valutare il Quoziente Intellettivo delle persone cui viene sottoposto ed è oggi un cavallo di battaglia dei tanti che intendono spiegare cosa sia la creatività, e come funzioni. E' un test estremamente semplice, nelle sue linee essenziali, quasi banale: ci sono 9 punti disposti in modo da delineare un quadrato...

problema-dei-9-punti

... e il valutatore ti chiede di unire tutti i puntini con un tratto di linea retta. Ma con le seguenti limitazioni. 1) puoi usare al massimo 4 tratti; 2) non devi mai sollevare la matita dal foglio.

Io sinceramente credo che riesca a risolverlo una percentuale estremamente bassa di soggetti, al primo colpo. Perché non solo la soluzione istintiva richiede un modo di pensare veramente fuori dagli schemi, ma quella che avviene durante la somministrazione è una vera e propria truffa. Vediamo perché, e quale è la soluzione.

Read More
canestro basket

07 Lug La regressione verso la media.

La regressione verso la media è quel fenomeno che spiega per quale motivo non dovreste essere troppo sicuri che le cose vadano come vi aspettate.

Vi sarà capitato, come a tutti, di restare delusi di fronte ai cattivi risultati di qualcuno che in passato si era sempre dimostrato bravo e capace: che ne so, un alunno, uno sportivo, un consulente finanziario. Così come a tutti sarà capitato di restare piacevolmente sorpresi quando qualcuno (o qualcosa) sul quale per lunga esperienza non avreste mai puntato una lira all'improvviso vi sorprende con una serie di risultati in netto miglioramento.

Ecco; non stupitevi, non deludetevi più. Potete mantenere intatto il senso della sorpresa evitando le brutte sorprese!

Vado a spiegarvi come funziona questa faccenda una volta per tutte, e vedrete che vi semplificherò notevolmente la vita.

[caption id="attachment_16737" align="aligncenter" width="675"]regressione verso la media 1886. Nell'ambito dei suoi studi sull'ereditarietà dei caratteri, Galton raccolse le stature di 928 figli adulti e dei loro 205 genitori (maschi e femmine). Per analizzare i dati, calcolò la statura media dei genitori (‘mid-parent’s stature’) scoprendo che i figli più alti della media avevano genitori ancora più alti di loro e i figli più bassi della media avevano genitori ancora più bassi. A questo fenomeno diede il nome di regressione verso la media.[/caption]

Intanto, spiego rapidamente e per i profani che cosa è la regressione verso la media. Immaginate di dover investigare un qualsiasi fenomeno e di prendere, a caso, varie incidenze di esso (i cosiddetti campioni). Durante la raccolta dei dati potrà verificarsi la possibilità che alcuni di questi campioni mostrino caratteristiche estreme; ma procedendo col campionamento, e aumentando il numero dei campioni, si scoprirà che le caratteristiche estreme si verificano solo poche volte in rapporto al totale dei campioni.

Read More
pisolino ufficio

29 Mag La Legge di Parkinson

La Legge di Parkinson è una intelligente e simpatica critica del malfunzionamento del lavoro che spiega come sprechiamo felicemente il nostro tempo.

Cyril Northcote ParkinsonLa Legge di Parkinson è un enunciato, ironico, scherzoso, ma non per questo meno lucido, che dobbiamo alla brillante penna dello scrittore inglese Cyril Northcote Parkinson. Essa recita: Il lavoro si espande fino a occupare tutto il tempo disponibile; più è il tempo e più il lavoro sembra importante e impegnativo. Parkinson ebbe modo di formare le sue idee osservando da vicino (vivendoci dentro) due tra le organizzazioni burocratiche per eccellenza: quella militare, e quella scolastica. Attorno a questa osservazione iniziale, l'autore costruì un intero libro (La Legge di Parkinson, appunto) nel quale metteva alla berlina molte magagne delle grandi organizzazioni: l'incapacità di delegare o lo spreco di risorse, il rampantismo fine a se stesso, lo spreco, l'improduttività, l'autoreferenzialità e molto altro. Il libro, benché intelligente e, cosa non da poco, divertente, nonostante sia una disamina molto lucida di molti dei peggiori difetti che affliggono il mondo del lavoro non é mai stato troppo amato: troppo lucido, troppo impietoso. Perchè, in sostanza, mette di fronte chi lo legge ad una sua caratteristica preponderante: la sua sostanziale vacuità.

Read More
brujo

04 Mag E’ così terribile essere un timoroso?

E’ così terribile essere un timoroso? Questa la domanda che Carlos, il discepolo, rivolge al suo maestro, lo stregone yaqui Don Juan Matùs. La risposta è di quelle da ricordare. 

shaman"E' così terribile essere un timoroso?" Il discepolo, Carlos Castaneda, rivolge questa domanda a quello che poco a poco é divenuto il suo maestro in un importante cammino di conoscenza, lo stregone yaqui Don Juan Matùs. La domanda è inserita nel contesto di una discussione più ampia nella quale il mentore offre all'allievo un punto di vista chiaro ed ineluttabile sul come dovrebbe essere vissuta la vita. Questi dialoghi sono tratti dal bellissimo terzo libro di Castaneda, Viaggio a Ixtlàn, concepito come un qualcosa a metà tra il romanzo e la ricerca antropologica. Nessuno ha mai saputo se si trattasse di pure invenzione o se ci sia stato veramente un Don Juan a mostrare il cammino; certo è che Castaneda su questa storia costruì una fortuna commerciale invidiabile.

In ogni caso, realtà, finzione, poco importa; i concetti qui espressi, in maniera chiarissima, con parole che vale la pena di leggere - si imprimono con forza nella coscienza - sono gli stessi che ritroveremo in moltissime culture e che parlano di una meditazione, quella sulla Morte, da sempre punto centrale ed ineluttabile di molti sistemi filosofici. Ma lasciamo parlare il libro; leggete, ne vale veramente la pena. Interessante anche la metafora finale, un modello che ritorna spesso nelle pagine di Castaneda e che, moltissimi anni prima di Coelho, paragona la persona che ricerca  la consapevolezza ad un cacciatore, o a un guerriero.

Per facilitare la lettura: a sinistra, le parti di Don Juan, in corsivo; a destra, quelle di Carlos Castaneda.

Read More
Beatles walking

05 Apr La meditazione del camminare.

La meditazione del camminare: facilissima, efficace, economica e anche divertente. A modo mio, però.

La meditazione del camminare é una modalità alternativa allo starsene fermi in panciolle, o in posizioni che per molti saranno scomode, impraticabili o innaturali - senza contare quelli che proprio non riescono a starsene fermi, eh! - di facilissima comprensione ed applicazione che rischia, tra le tante possibili, di essere una tra le più efficaci in assoluto. Ed é anche divertente e istruttiva. Fatta a modo mio, però. Perché a me quella che tramandano oggi i super esperti della Mindfulness (che poi si copiano l'uno con l'altro) mi piace davvero poco, per una serie di motivi. Che ora vi vado a spiegare, assieme alla mia immodesta proposta. 

Read More
ombrello scimmie

14 Mar Stat rosa pristina nomine

Quanto è sottile lo strato di condizionamento della realtà che viviamo?

Quando ero bambino - avrò avuto otto anni - mi é capitato per sbaglio di fare un esperimento abbastanza terrificante che oggi alcuni hanno cominciato ad appuntarsi come addestramento (un po' brutale) alla Mindfulness (sic), ma che allora così a freddo risultò piuttosto scioccante.

Me lo ricordo come fosse ora. Ero nel cortile di casa - un cortile gigantesco, che visto anche con occhi adulti sembra grande lo stesso - e rientrai in casa perché minacciava pioggia. Così, mentre sul pianerottolo aspettavo l'ascensore, pensai all'ombrello che mi mancava; e di lì mi resi conto che ombrello non era tanto imparentato con la pioggia, quanto con il sole. Perché se si chiama ombrello é segno che la sua raison d'être è creare ombra.

Read More
Tramonto mare

22 Lug Devi cambiare d’animo, non di cielo.

Seneca saluta il suo Lucilio.

Credi che questo sia capitato soltanto a te e ti meravigli come di una cosa straordinaria che, nonostante le tue peregrinazioni così lunghe e tanti cambiamenti di località, non ti sei scrollato di dosso la tristezza e il peso che opprimono la tua mente?

Devi cambiare d’animo, non di cielo.

Puoi anche attraversare il mare, terre e città retrocedano pure come dice il nostro Virgilio: ebbene, i tuoi difetti ti seguiranno ovunque andrai.

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo di cookies come specificato nella nostra informativa su privacy e cookies.  -- Leggi l'informativa --

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi