Notice: Undefined index: HTTP_ACCEPT_LANGUAGE in /var/www/vhosts/abbastanzamente.it/httpdocs/wp-content/plugins/newstatpress/newstatpress.php on line 1090
Retta Parola Archivi - ABBASTANZAMENTE

Retta Parola

Donald Trump

10 Nov L’uomo che volle farsi Presidente

Donald Trump contro Hillary Clinton: come si vince una campagna per la Presidenza degli Stati Uniti organizzando una comunicazione efficace.

Donald Trump winsDio benedica gli esperti. Fino a poche ore prima tutti giuravano che era impossibile che Hillary Clinton non vincesse la sfida della candidatura alla Presidenza degli Stati Uniti d'America: in pochi avevano esattamente capito cosa proponesse il suo programma elettorale, ancora meno studiavano il suo modo di comunicare. Sapevano solo che, con un pagliaccio come Donald Trump come avversario, la sfida era praticamente già vinta. Poche ore dopo, il Web si è riempito di articoli molto dotti nei quali tutti si affrettavano a spiegare quali erano stati i punti di forza di Trump, cosa in sostanza gli aveva permesso di passare sopra alla candidatura di Hillary col Caterpillar.

Bene; la verità è che sono così tanti i fattori che concorrono che, oggi, fare il giochino del "Io ve lo avevo detto" è comodo. Perché chi non ci ha azzeccato può giocarsi le carte di una acuta analisi a posteriori, mentre chi invece ci ha preso farà di tutto perché questo fatto non passi sotto silenzio.

Personalmente, preferisco stare in finestra e analizzare i fatti. Amo poco le scienze predittive, che si rivelano incostanti e aleatorie. Una buona spiegazione di cosa è successo è altrettanto utile, e anche più completa. E a questo punto siamo in grado di esaminare la comunicazione di Trump nel particolare. Ma senza strafare. Abbastanzamente.

Read More
stampa rivoluzione francia

11 Ago L’importanza del titolo nei giornali

L'importanza del titolo nei giornali non è una scoperta moderna, anzi: da esso possono dipendere non solo le vendite, ma anche la carriera... e la vita.

MoniteurNon si è ancora placata la polemica - ridicola - sul titolo olimpico delle Cicciottelle, che già una pletora di altri sedicenti giornalisti, avendo notato che simili polemiche aiutano a generare visibilità, puntano il dito su supposti scandali generati da osservazioni politicamente scorrette riguardo alla figura della donna nello sport. Male, malissimo, quando il fracasso sommerge e sostituisce la notizia; però per noi è uno spunto utilissimo per vedere come i titoli dei giornali non sono diventati quello che sono in epoca moderna ma, anzi, fin dalla loro nascita hanno saputo mostrarsi eclatanti, scioccanti, compiacenti a seconda dell'utilità del momento.

Oggi vi faccio vedere un esempio classico, tratto dalla storia francese: i titoli, in ordine cronologico, del giornale Le Moniteur che andavano a illustrare la fuga di Napoleone dall'Isola d'Elba. 

Read More
strawman wizard oz

26 Giu L’uomo di paglia

L'uomo di paglia, la fallacia logica dell'argomento fantoccio che permette di fingere di aver ragione in base ad un argomento che... non c'entra un granché.

L'Uomo di Paglia (dall'inglese strawman, più propriamente fallacia dell'uomo di paglia, più propriamente spaventapasseri o argomento fantoccio) è una tecnica dialettica che consente di sviare l'attenzione dell'interlocutore su di un argomento che, poco coerente con la discussione in atto, sembra tuttavia essere appropriato e in grado di indebolire le tesi della controparte. Si tratta di una tecnica che ricade nel novero delle fallacie logiche perché, appunto, la pertinenza dell'argomento portato è solamente illusoria.

E' una tecnica così tanto utilizzata, in tutte le sue numerose varianti, che ormai non ci accorgiamo nemmeno più che sia tale. Sappiamo solo che ci irrita profondamente. Sembra che derivi dall'abitudine di usare fantocci imbottiti per allenarsi, durante l'addestramento militare, certi del fatto che infilare una baionetta dentro ad uno spaventapasseri é molto più facile che farlo in un uomo in carne, ossa e voglia di non farsi infilare. 

Read More
nudge

09 Giu Il potere della maggioranza

Il potere della maggioranza: come la comunicazione sulle scelte dei tanti influenzano quelle dei pochi.

stormoIl potere della maggioranza è qualcosa che non riguarda solamente il sistema elettorale: tranquilli, per questa volta non parlerò di politica (anche se presto o tardi ci arriveremo senz'altro, che vi credete?); è quella nostra caratteristica razziale, profondamente radicata a livello genetico, che fa sì che seguiamo prioritariamente il comportamento della massa che ci circonda. Lo ripeto di nuovo, nel dubbio di non essere stato chiaro: la cosa che maggiormente ci influenza é quello che fanno gli altri. Più abbiamo la sensazione di essere isolati, e più correremo a conformarci. Chiaro fin qui?

Read More
albero lotta

28 Apr Non cedere.

Non cedere. Anche una canzone può darti la forza quando non hai nessun altro posto dove andarla a prendere. 

Non cedere. Questa la sintesi, questo il significato, il messaggio della bellissima canzone Don't Give Up di Peter Gabriel: non cedere. Quelle delle canzoni sono parole che ti possono arrivare molto più rapidamente, più a fondo e più a lungo di qualsiasi altra. Nessuno sa il perché; è una prerogativa della nostra razza. Sappiamo solo che funziona. E quello che funziona, noi lo usiamo, senza star lì a farci tante domande. Perché a tutti arriva il giorno in cui proprio non ce la fai; hai voglia a dire, porta pazienza, domani sarà migliore, hai tanti motivi per continuare, non ti arrendere. E' la fossa in cui vengono seppelliti tutti i cadaveri eccellenti dei tanti motivatori di mestieresteve mcqueen ball e amatoriali: non puoi spingere un cavallo defunto. Non puoi portare motivazione laddove non ce n'è, e la speranza, l'unica cosa che può aiutarti in certi momenti, è una fiammella troppo, troppo tenue. Ed ecco: è arrivata l'ora più buia. E non hai nessuno al tuo fianco. Come fai?

Se non riesci a lottare, se non ne hai la forza - è possibile, inutile ingannarci - siediti e aspetta. Un respiro alla volta, e controlla di essere ancora qui, momento dopo momento. Passerà. Qualsiasi cosa sia, passerà anche questo. Conserva le forze; ricordati chi sei; tieni salda la tua rabbia, il tuo orgoglio. Da qualche parte c'è qualcuno che sta pensando a te, a un te che potresti essere tu. Non sei solo.

Mentre Peter Gabriel racconta della propria sconfitta, la voce di Kate Bush, senza forzare, lo porta dolcemente verso la riva: non cedere. Fatti forza; c'è un luogo cui apparteniamo, vivi per cercarlo, se non per raggiungerlo. Che importa se é una voce immaginaria? Fai in modo di ascoltarla.

Questa canzone ha salvato la vita fino ad oggi a innumerevoli persone, nel loro momento più insopportabile. Non c'è motivo di pensare che la voce che ti chiede di non cedere, per favore, non si stia rivolgendo proprio a te. Tieni duro. Non cedere. Aspetta il tuo momento. 

Read More
arbitro byron moreno

08 Apr Argumentum ad hominem

Argumentum ad hominem, una delle più antiche strategie della retorica, ancora oggi estremamente usata quando si vuole avere la meglio in una discussione.

L'argumentum ad hominem é una delle più antiche strategie dell'arte retorica, usata quando si vuole avere la meglio in una qualsiasi discussione nella quale non basti la forza della nostra argomentazione e la logica ci sia contro. E' un trucco estremamente facile da usare, tanto che  il suo utilizzo può tranquillamente passare inosservato; tendiamo ad usarlo in maniera così massiccia e spesso istintiva che, se non prestiamo attenzione - come accade del resto per molte di queste fallacie logiche - il ragionamento sembra filare. E invece...

Read More
marco antonio in giulio cesare 1953 marlon brando

20 Mar L’orazione funebre di Antonio

L'orazione funebre di Antonio, dal Giulio Cesare di Shakespeare

L'orazione funebre di Antonio, dal Giulio Cesare di Shakespeare, é un grande classico dell'oratoria, benché mediato dalla penna inventiva del Bardo di Avon che trasse l'ispirazione per questa tragedia dalla Vita di Cesare, di Plutarco. E' uno straordinario esempio di come l'agenda setting sia importante per avere la meglio in una discussione: Marco Antonio sceglie di parlare per ultimo, usando gli argomenti stessi di Bruto per rivolgerli contro di lui. Si trova nell'atto III, scena II, ed é un capolavoro che trascrivo pressochè integralmente, perché ne vale la pena e non ci vogliono più di dieci minuti, a leggerlo con attenzione. Se non avete dieci minuti, siete messi male, amici, concittadini. 

Read More
suicide jump

08 Mar O mangiare la finestra

suicide jumpMagari non ve ne siete mai accorti, ma vostra nonna è bravissima nell'argomentare i propri punti di vista e spesso e volentieri vi ha fregato usando tecniche raffinatissime con consumata esperienza e con la naturalezza di chi in queste cose ci sguazza da sempre. Ad esempio, la fallacia logica detta di falsa dicotomia.

Torneremo magari con maggiore attenzione sulle fallacie; per oggi, limitiamoci a dire che sono errori che invalidano il ragionamento, ma che sono spesso così ben nascosti in esso da non farsi notare. A prima vista, il ragionamento sembra filare, e questo porta acqua al mulino di chi argomenta.

La fallacia della falsa dicotomia (conosciuta anche come falso dilemma, falsa scelta, pensare bianco o nero) è in assoluto una delle più comuni e più istintivamente usate, anche da chi non ha particolari abilità in materia.

Consiste nel porre una questione come se ci fossero solo due possibilità di soluzione della stessa, ovvero: un dilemma (due corna). Il che di per se stesso non sarebbe sbagliato: il dilemma é una forma argomentativa nota e valida. Purché ci siano veramente 2 vie da percorrere - o meglio, tre: uscita A, uscita B, o evasione, ovvero tuffarsi tra le corna del dilemma ed evitare la scelta.

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo di cookies come specificato nella nostra informativa su privacy e cookies.  -- Leggi l'informativa --

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi